Piante ornamentali

Come coltivare gli alberi di magnolia (guida alla coltivazione)

Conosciute per prosperare nei climi caldi e per i loro splendidi fiori di cera che producono un aroma quasi euforico. Le magnolie sono considerate un punto fermo iconico del grazioso paesaggio del sud.

Tuttavia, il genere Magnolia comprende 210 piante da fiore, tra cui un’ampia varietà di alberi e arbusti, e alcune si comportano abbastanza bene in luoghi con clima più freddo – la chiave è scegliere varietà adatte al vostro clima locale. Quelli del profondo sud, per esempio, hanno l’ambiente ideale per la classica Magnolia del sud, mentre altre varietà sono scelte migliori per luoghi più a nord.

Ecco cosa devi sapere per coltivare con successo un albero di Magnolia nel tuo paesaggio domestico:

Come piantare una Magnolia

Il momento migliore per piantare una magnolia è durante il tardo inverno o all’inizio della primavera, quando l’albero è ancora dormiente. Poiché le radici della magnolia crescono orizzontalmente, la buca di impianto dovrebbe essere leggermente più larga che profonda, quindi assicurati che sia almeno una volta e mezza più grande della zolla e leggermente meno profonda. Dopo aver riempito la buca con terra mista a ricco compost organico, rincalzare il terreno delicatamente per ridurre al minimo le interruzioni delle radici e annaffiare bene. Aggiungi uno strato di pacciame organico ma non ammucchiarlo intorno al tronco del giovane albero.

Anche se si può essere tentati di piantare un albero di magnolia vicino a una finestra in modo che la brezza primaverile e di inizio estate porti l’aroma paradisiaco dei fiori all’interno, questo dovrebbe essere evitato perché i sistemi di radici orizzontali hanno il potenziale di distruggere le fondamenta della casa. Fortunatamente, il profumo dei fiori di magnolia è abbastanza forte da essere percepito a distanza.

Magnolia stellata (Magnolia stellata)

Requisiti di luce e irrigazione

Gli alberi di magnolia danno il meglio quando sono piantati in pieno sole, il che significa che hanno bisogno di circa sei ore di luce solare al giorno per dare il meglio di sé. Il loro sistema di radici poco profondo significa che possono aver bisogno di più acqua d’estate rispetto alle loro controparti con radici che raggiungono in profondità il terreno per accedere all’acqua sotterranea più vicina alla falda. Annaffia il tuo albero di magnolia una volta alla settimana durante le prime due stagioni di crescita dopo che è stato piantato e due volte al mese negli anni successivi. In tempi di siccità, potrebbe essere necessario annaffiare più frequentemente, anche se le magnolie mature e ben stabilite sono abbastanza resistenti alla siccità. Gli alberi di magnolia possono richiedere più acqua in terreni sabbiosi.

Fabbisogno di suolo e fertilizzante

La maggior parte delle specie di Magnolia prosperano in terreni leggermente acidi, ma possono fare abbastanza bene quando le condizioni sono neutre o anche un po’ alcaline, ma in questo caso dovresti aggiungere del pacciame organico per aumentare la quantità di acido nel terreno. La magnolia ama l’azoto, quindi usate un fertilizzante 12-4-8 o 20-5-10 secondo le indicazioni del pacchetto. Tieni presente che una corretta concimazione mantiene gli alberi sani in modo che possano resistere più facilmente ai parassiti degli insetti e agli agenti patogeni batterici e fungini.

Esigenze di temperatura e umidità

Anche se le magnolie possono prosperare in aree con temperature invernali più fredde, alcune varietà possono essere danneggiate o addirittura uccise in aree dove le temperature scendono abitualmente sotto i 20 gradi Fahrenheit. Coloro che vivono in queste zone dovrebbero acquistare alberi resistenti al freddo come la Magnolia Stella, che cresce meglio nelle zone 4-8 dell’USDA. Le magnolie meridionali, d’altra parte, non dovrebbero essere piantate in nessuna zona al di sotto della zona 7. La maggior parte delle specie di Magnolia stanno bene in condizioni di umidità, e alcune addirittura le preferiscono così.

Magnolia stellata (Magnolia stellata)

Come curare la tua Magnolia

A causa del loro aspetto ornato, le magnolie sono spesso scambiate per alberi pignoli e difficili da coltivare, probabilmente perché le loro splendide fioriture assomigliano a fiori da serra curati con attenzione, ma questi alberi sono sorprendentemente a bassa manutenzione. Parassiti comuni come afidi, cocciniglie, tripidi e varie specie di bruchi, ma questi parassiti possono di solito essere controllati aggiungendo insetti benefici come le coccinelle al quadro e includendo caratteristiche di hardscaping come vasche e casette per uccelli che attirano gli uccelli mangia-insetti nel vostro giardino.

Le magnolie inoltre non richiedono alcuna potatura speciale – semplicemente rimuovi i rami morti o rotti in base alle necessità.

Le magnolie sono tossiche?

Le magnolie non hanno alcuna tossicità nota per gli esseri umani, gli animali domestici o la fauna selvatica. Tuttavia, il consumo di bacche di Magnolia non dovrebbe essere incoraggiato, e possono sorgere problemi digestivi e di altro tipo se qualsiasi parte dell’albero viene ingerita dopo applicazioni topiche di fertilizzanti, pesticidi o erbicidi.

Menu