Piante ornamentali

Coltivare il gelsomino del Capo (Gardenia jasminoides)

Il gelsomino del Capo è quello che è conosciuto come falso gelsomino, quindi non è un membro della stessa famiglia di piante. Originaria dell’Asia, è una pianta che è in realtà un tipo di gardenia, e può essere vista crescere nelle zone di resistenza da 8 a 11 negli Stati Uniti.

La pianta ha un fogliame verde scuro con foglie che sono circa tre o quattro pollici di lunghezza. I fiori possono essere singoli o doppi, ma sono sempre di colore bianco.

Queste piante sono relativamente semplici da curare, ma richiedono quanto segue:

Requisiti per l’irrigazione

Questa è una pianta che richiede una quantità media di acqua ogni settimana. Non richiederà molto, e a volte, la pioggia fornirà la pianta con abbastanza acqua, ma se lo avete in vaso per crescere all’interno della vostra casa, allora questa pianta avrà bisogno di essere annaffiata almeno bisettimanalmente. Per assicurarvi che stia ricevendo abbastanza acqua, testate il terreno prima di darle altra acqua. Il terreno deve essere asciutto al tatto in modo che dandogli più acqua non causi il marciume delle radici.

Requisiti di luce e temperatura

Il gelsomino del Capo ha bisogno di pieno sole o di ombra leggera per crescere bene. Idealmente, nelle zone più fresche del paese, può avere pieno sole tutto il giorno, ma se vivete in una zona dove fa caldo, il sole del pomeriggio può bruciare le piante. Per evitare questo, potete mettere la pianta in una posizione dove riceverà il sole del mattino ma sarà all’ombra del pomeriggio. Per quanto riguarda le temperature, la pianta può tollerare temperature tra i 60 gradi Fahrenheit e i 75 gradi Fahrenheit. Quando la temperatura non rientra in questo intervallo, il bocciolo dei fiori può cadere. Ai gelsomini del Capo piace anche che l’aria sia umida, quindi può essere necessario nebulizzare le foglie di tanto in tanto.

Requisiti del suolo e del fertilizzante

Questa è una pianta che cresce meglio in un terreno ben drenato. In genere può crescere in qualsiasi tipo di terreno, ma in realtà prospera in un terreno leggermente acido. Si vuole anche usare un terreno che sia approssimativamente tra un pH di 5,0 e 6,0. Inoltre, la pianta dovrebbe essere concimata almeno due volte all’anno durante la stagione di crescita. Non dovrebbe essere nutrita tra novembre e febbraio perché questo è il periodo in cui la pianta sarà dormiente, e darle del fertilizzante incoraggerà la fioritura e la crescita, che morirà immediatamente all’aria fredda.

Requisiti per la potatura

Quando si tratta di potare il gelsomino del capo, deve essere fatto durante il periodo dell’anno in cui hanno finito di fiorire e vanno in dormienza. In questo modo si favorisce la ramificazione della pianta e si crea una crescita più compatta. Se ci sono rami danneggiati o infestati, devono essere tagliati immediatamente. Se hai bisogno di propagare la tua pianta, puoi farlo usando un seme o una piccola talea.

Malattie e parassiti

Ci sono diversi parassiti e malattie che possono colpire il gelsomino del Capo. Assicuratevi di non innaffiare troppo la vostra pianta, perché può facilmente avere il marciume radicale sulle radici della pianta o l’oidio sul fogliame. Anche le macchie sulle foglie possono essere un problema comune per il gelsomino del Capo. La muffa fuligginosa, che è un’altra malattia che una pianta può avere, è spesso il risultato di un’infestazione di cocciniglie, afidi o altre cocciniglie. Per quanto riguarda i parassiti, anche i tonchi, gli acari e le mosche bianche sono molto comuni quando si coltiva il gelsomino del Capo.

Menu