Piante ornamentali

Consigli per la coltivazione e la cura del viburno

Viburnum è un genere di arbusti sempreverdi e decidui e piccoli alberi il cui fogliame vistoso, fiori e frutti li rendono una scelta popolare con paesaggisti e giardinieri.

Quando coltivi questi arbusti, potrai scegliere tra oltre 150 varietà, che possono variare in altezza da 2′ a 30′ e crescere ovunque nelle zone di resistenza USDA da 2 a 9.

La maggior parte dei viburni fioriscono in primavera, mettendo fiori a volte fragranti che vanno dal bianco al rosa. A seconda della varietà, possono anche dare frutti ornamentali nella tarda estate o in autunno, seguiti da un brillante spettacolo di colorazione autunnale quando le foglie degli arbusti passano dal verde al rosso lucido, viola e scarlatto.

Piantare il viburno può dare colore e interesse tutto l’anno al vostro prato o giardino e imparare a prendersi cura di loro in modo appropriato assicurerà che il vostro viburno abbia il suo aspetto migliore dalla prima fioritura al rossore autunnale.

Preferenze di terreno, luce e calore

La maggior parte dei viburni crescono meglio in terreni umidi e ben drenati e tipicamente preferiscono condizioni di terreno leggermente acido, con un pH tra 5,5 e 6,6. Come tale, potrebbe essere necessario modificare il vostro terreno nativo prima di piantarvi il viburno. Se il vostro terreno è troppo acido, potete aumentare il suo pH aggiungendo del calcare pellettizzato. Al contrario, l’applicazione di zolfo, solfato di alluminio o ferro chelato può abbassare il pH del terreno, così come l’uso di compost organico.

Le preferenze di luce del viburno possono variare dal pieno sole all’ombra, a seconda della varietà. Tuttavia, la maggior parte dei viburni fioriscono meglio se esposti a poche ore di pieno sole, ogni giorno.

Piantare i viburni dove possono ricevere il pieno sole del mattino ma l’ombra del pomeriggio assicura una fioritura sana e li protegge dalla parte più calda della giornata.

Nannyberry-(Viburnum-lentago)

Coltivare il viburno da seme

Coltivare arbusti di viburno dai semi è un processo lungo, poiché possono impiegare fino a 18 mesi per germinare. Dovresti iniziare i tuoi semi stratificandoli a caldo, simulando un ambiente caldo ed estivo per due mesi.

Per farlo, metti i semi nella sabbia bagnata, dentro un sacchetto di plastica sigillato, e conservali tra i 76 e gli 86 gradi.

Successivamente, dovrai stratificare a freddo i tuoi semi, simulando un ambiente invernale, mettendo il sacchetto sigillato in un frigorifero per 3 mesi e aprendo il sacchetto una volta alla settimana per cambiare l’aria. Segui questa stratificazione fredda con un altro periodo di stratificazione calda, che romperà la dormienza dei semi. I semi possono poi essere seminati da 1/4″ a 1/2″ di profondità in letti di semina preparati o in terra nativa e dovrebbero germinare la seconda primavera dopo la semina.

Talee di viburno

Un metodo di gran lunga più semplice è la propagazione del viburno tramite talee di legno dolce. Iniziate rimuovendo un segmento sano di circa 4″ a 6″ pollici di lunghezza da un altro viburno. Dovrete poi togliere le foglie più basse da questo segmento per creare una cicatrice dove si possono formare nuove radici e poi inserire la base di questo stelo, oltre la cicatrice, nella sabbia o nella perlite.

Coprire le piante, poi tenerle ben annaffiate e drenate e coperte e, dopo sei-otto settimane, dovrebbero essersi formate nuove radici. Trasferisci queste piante in vasi pieni di terriccio e poi, dopo altre due o tre settimane, trasferiscile nel tuo giardino.

Viburno coltivato in contenitore

Una delle sfide principali nella coltivazione dei viburni in contenitore è mantenere le loro condizioni preferite di terreno umido ma ben drenato. Per evitare di tenere il viburno in condizioni di terreno inzuppato e malsano, dovrai piantarlo in un contenitore con fori di drenaggio e usare un terriccio di qualità o un mix di vasi. Inoltre, mescolare dal 10 al 20% di pomice o Perlite al terreno può aiutare a promuovere il drenaggio e mantenere le condizioni del contenitore ideali per il vostro viburno.

Quando scegliete un contenitore, sceglietene uno abbastanza grande da permettere 2 o 3 anni di crescita. Se state mettendo in vaso un viburno coltivato in vivaio o semplicemente trapiantato da altrove, questo significa scegliere un contenitore che sia almeno 8 pollici più largo della zolla della vostra pianta.

Viburnum

Irrigazione e concimazione

I viburni sani di solito hanno bisogno di essere bagnati solo una volta alla settimana, sia attraverso l’irrigazione che la pioggia, e non avranno bisogno di essere concimati più di una volta all’anno con un alimento a lento rilascio per arbusti e alberi. Questo dovrebbe essere applicato dopo la fioritura per aiutare a mantenere il loro bel fogliame e i loro fiori. Smetti di concimare il viburno due mesi prima della data del primo gelo nella tua regione per non stimolare la nuova crescita che potrebbe essere danneggiata dal gelo.

Potatura

Il processo di potatura di un viburno dovrebbe iniziare quando l’arbusto è ancora giovane per mantenere al meglio la sua forma nel corso degli anni. Di solito, vorrete potare il viburno indietro di circa un terzo delle sue dimensioni, ogni anno. La potatura leggera può essere eseguita in qualsiasi momento, ma la potatura maggiore o la tosatura dovrebbe aspettare fino alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, anche se non quando c’è ancora la possibilità di gelo nella vostra zona, perché l’esposizione può danneggiare i nuovi germogli.

Quando il vostro viburno è giovane, potete potarlo semplicemente pizzicando gli steli e i germogli laterali dell’arbusto per aiutarlo a mantenere la sua forma. In seguito, puoi tagliare i rami sopra i loro nodi, mantenendo così la forma dell’arbusto e permettendogli di mettere fuori nuovi germogli.

Seguendo questi consigli per far crescere il vostro Viburnum, dal seme all’arbusto adulto, potete assicurarvi che la vostra pianta rimanga attraente e sana, conferendo colori brillanti al vostro paesaggio, tutto l’anno.

Menu