Piante ornamentali

Crescita della palma a coda di pesce (Caryota mitis)

La palma a coda di pesce è una palma unica che può crescere fino a circa 6-10 piedi di altezza. Non è una pianta facile da coltivare, specialmente in casa, quindi dovrete darle una cura speciale se decidete di coltivarla. Le sue fronde sono uniche; infatti, assomigliano alle code dei pesci. È un albero a tronco singolo, ed ha un aspetto esotico che può aggiungere un po’ di brio al vostro giardino. Si tratta di una pianta velenosa, quindi assicuratevi di essere prudenti se ci sono bambini piccoli o animali domestici.

Requisiti di luce e temperatura

Questa palma richiede molta luce per crescere, ma farà meglio senza essere direttamente alla luce del sole. La luce solare indiretta è la cosa migliore, quindi considera la luce filtrata che proviene da una finestra o una posizione dove sarà all’ombra per la maggior parte del giorno. Dovrà anche crescere in una zona umida con temperature relativamente calde.

Idealmente, la temperatura dovrebbe essere tra i 65 e gli 85 gradi Fahrenheit perché la pianta prosperi, e il livello di umidità dovrebbe essere almeno del 50%. Se il livello di umidità scende al di sotto, si dovrebbe considerare l’uso di un umidificatore per aumentarlo. Inoltre, assicuratevi che la temperatura non scenda mai sotto i 45 gradi Fahrenheit e che la pianta non sia posizionata vicino a una corrente d’aria.

Requisiti per l’irrigazione

Si tratta di una pianta che richiederà una quantità media di acqua, quindi assicuratevi di non annaffiarla troppo, e poi testate il terreno per vedere se la parte superiore è relativamente asciutta prima di dargliene altra. Inoltre, durante l’inverno, diminuite la quantità d’acqua che fornite alla pianta quando non sta crescendo attivamente. L’acqua distillata è la migliore per questa pianta perché l’acqua del rubinetto può contenere cloro, fluoro e altre sostanze chimiche dannose.

Se i bordi delle foglie diventano marroni, l’acqua contiene troppe sostanze chimiche.

Requisiti del suolo e del fertilizzante

Quasi ogni terreno funzionerà per la crescita di questa palma, ma dovrebbe essere un terreno ben drenante. Idealmente, potresti voler mescolare il tuo terreno con un po’ di sabbia in modo che dreni ancora meglio. Assicuratevi che non sia sabbia che contiene sale o impurità che potrebbero danneggiare la palma. Puoi anche aggiungere perlite e corteccia al terriccio.

Quando la pianta cresce attivamente, è una buona idea darle del fertilizzante a mezza forza. Oltre al fertilizzante debole, potete aggiungere sale di Epsom al terreno per assicurarvi che la palma non abbia una carenza di magnesio.

albero di palma a coda di pesce

Potatura e propagazione

Poiché questa è una palma che cresce dalle estremità del gambo, la potatura delle punte delle fronde può fermare la crescita completamente. La potatura delle piante dovrebbe essere fatta molto poco, e farà meglio quando la propagazione avviene da un seme. Può anche essere propagata usando i polloni di una pianta femmina, che si trovano alla base della pianta. Ci vorranno diversi mesi perché la nuova pianta cresca, ma quando rimuovete il pollone, assicuratevi di portare un po’ di radici con la nuova pianta.

Parassiti e malattie

Le palme a coda di pesce possono sviluppare macchie sulle foglie. Questo può essere il risultato del fatto che la pianta non riceve i nutrienti di cui ha bisogno e probabilmente ha una carenza di magnesio o di ferro. Per risolvere questo problema, potete regolare il fertilizzante che date alla pianta. Per quanto riguarda i parassiti, afidi, cocciniglie e mosche bianche sono comuni.

Suggerimenti sulla posizione di impianto

  • Le piscine interne e le spa che hanno molta umidità sono ottimi luoghi da scegliere per far crescere questa pianta.
  • Ha bisogno di un luogo caldo per prosperare, quindi le zone del sud che rimangono calde per la maggior parte dell’anno sono ideali.
  • Mantenere la temperatura sopra i 45 gradi Fahrenheit.
  • Una stanza con una finestra rivolta a est o a ovest è un’idea eccellente per la luce solare indiretta.
Menu