Piante da appartamento

Come coltivare e curare le piante serpente

Siete alla ricerca di una pianta d’appartamento attraente che non richieda molta attenzione? I vantaggi di coltivare piante in casa includono l’estetica, la purificazione dell’aria e l’illuminazione dell’umore. Perché non considerare la Sansevieria, chiamata anche pianta serpente? Ecco alcune informazioni utili su questa popolare pianta d’appartamento:

Nozioni di base sulla pianta serpente

La Sansevieria, comunemente chiamata pianta serpente, è forse una delle piante più riconoscibili che la gente coltiva in casa. La maggior parte dei botanici ritiene che sia originaria dell’Asia e di alcune parti dell’Africa. In diverse parti del mondo, la sansevieria non era solo venerata per la sua bellezza. Alcune culture africane usavano la sua fibra per creare tessuti, e la usavano per la medicina e la protezione contro il male.

Gli italiani hanno chiamato la pianta con il nome del principe di Sansevero, che era un appassionato di giardinaggio del 1700. Il suo soprannome, “pianta serpente”, deriva dai disegni ondulati sulle sue alte e graziose foglie.

Altri giardinieri la chiamano “lingua di suocera”, perché le foglie sono lunghe e appuntite. Wikipedia.org afferma che ci sono almeno 70 specie diverse di sansevieria. Abbiamo recentemente scritto un articolo informativo sulle diverse varietà di piante serpente, lo potete trovare qui.

Come coltivare e curare le piante serpente

Se non avete mai avuto fortuna con le piante d’appartamento, allora la pianta serpente fa per voi. È anche una pianta d’appartamento ideale per le persone occupate che non hanno molto tempo per occuparsi di piante pignole. Sono disponibili nella maggior parte dei centri di giardinaggio, oppure potete avere un amico che vi darà un inizio da piantare.

– Caratteristiche: A seconda della specie che coltivate, le piante serpente possono crescere ovunque da 8 pollici a 12 piedi di altezza. Le loro foglie hanno la forma di spade erette e appuntite, con interessanti variegature di verde, giallo e bianco. Alcune varietà producono fiori di breve durata che assomigliano a gigli in miniatura. Le piante serpente si propagano per divisione delle radici.

– Esigenze idriche: Le piante serpente sono abbastanza indulgenti quando si tratta di annaffiare, perché sono originarie delle zone desertiche. Annaffiatele quanto basta per inumidire il terreno intorno, e lasciatele asciugare tra un’annaffiatura e l’altra. Mantenete le annaffiature al minimo durante la stagione invernale.

– Requisiti del suolo: Dato che sono piante del deserto, scegliete un terriccio con un’alta concentrazione di sabbia, come quello per cactus. Piantatela in un vaso che dreni bene e che sia abbastanza grande da accogliere le radici e le foglie in crescita. Rinvasa la tua pianta di serpente man mano che cresce, per evitare che sia legata alle radici.

– Requisiti di luce solare e temperatura: Per una salute e una crescita ottimali della pianta, mettete la vostra pianta di serpente in vaso dove riceverà luce indiretta. Queste robuste piante d’appartamento possono anche tollerare il sole diretto o un’illuminazione limitata. Le temperature normali della casa vanno bene per le piante di serpente, se sono comprese tra 55 e 85 gradi F. Non possono tollerare temperature inferiori a 50 gradi F.

– Precauzioni di sicurezza: Tutte le parti della sansevieria sono leggermente tossiche, quindi tenetela lontana dai bambini piccoli e dagli animali domestici. I segni di tossicità includono vomito, salivazione, nausea e diarrea. Per i bambini, chiamare immediatamente il 911 o il National Poison Control Center. Cercare immediatamente l’attenzione del veterinario per un animale domestico.

Problemi comuni che hanno le piante di serpente e soluzioni

– Parassiti: Anche la più forte delle piante d’appartamento può essere suscettibile ai parassiti degli insetti. I soliti colpevoli per le piante serpente sono gli acari e le cocciniglie. Questi piccoli parassiti causano danni alle foglie perché fanno piccoli buchi per bere la linfa. I segni rivelatori sono foglie appassite e cadenti e piccole macchie scure sulla pianta serpente.

– Soluzioni: Se notate la cocciniglia sulla vostra pianta, imbevete un batuffolo di cotone con alcol e tamponatelo. L’alcool li ucciderà senza danneggiare la vostra pianta. Strofina delicatamente le foglie con un panno umido per eliminare gli acari.

– Marciume delle radici: A volte, le piante di serpente sono affette da marciume radicale, che è un’infezione fungina che può uccidere le piante dalle radici in su. La causa più comune di questa condizione è l’irrigazione eccessiva. Se la vostra pianta di serpente sembra appassita e ingiallita, tirate delicatamente fuori la pianta ed esaminate le radici. Il marciume radicale fa sì che le radici diventino nere e mollicce mentre stanno morendo. Potreste notare un distinto odore di fungo.

– Soluzioni:  Dopo aver tirato su la pianta, potate via con cura le radici molli e in decomposizione. Immergere la pianta rimanente in una soluzione antifungina formulata per le piante d’appartamento. Ripianta la tua pianta di serpente in un nuovo vaso con terreno fresco.

Getta il terreno infetto nella spazzatura (non nella pattumiera), perché le infezioni fungine sono contagiose. Pulisci tutti gli attrezzi da giardinaggio che hai usato e il vecchio vaso con una soluzione diluita di candeggina. Se il vostro terreno e il vostro vaso drenano bene e non innaffiate troppo, è meno probabile che la vostra pianta serpente sia colpita da questa condizione.

Fatti divertenti

– In alcune tradizioni cinesi, coltivare piante di serpente intorno alla casa porta fortuna e protegge dalle forze del male.

– Il processo di fotosintesi delle piante di serpente è più attivo di notte. Averne una in vaso nella tua camera da letto può fornirti più ossigeno e meno anidride carbonica.

– Una delle sostanze inquinanti che le piante serpente filtrano dall’aria è la formaldeide, un noto cancerogeno.

Menu