Piante da appartamento

Come e quando potare un cactus di Natale

Grazie alla sua lunga stagione di fioritura e alla profusione di fiori durante i mesi invernali, il Cactus di Natale (Schlumbergera truncate) è stato a lungo considerato un punto fermo stagionale tra le piante d’appartamento.

Tuttavia, coloro che acquistano questa pianta all’inizio della stagione delle feste, quando inizia a fiorire, spesso non sanno come prendersene cura – e senza le cure adeguate, la loro pianta di Cactus di Natale potrebbe non fiorire l’anno successivo.

Anche se il cactus di Natale sta molto bene in ambienti domestici interni, ci sono alcune condizioni che devono essere soddisfatte se vogliono dare il meglio di sé.

Ecco cosa devi sapere:

Requisiti di coltivazione del cactus di Natale

Uno dei requisiti più importanti per la fioritura del cactus di Natale è un periodo di tempo in cui riceve 12-14 ore di buio completo ogni 24 ore.

La maggior parte delle persone mette il cactus di Natale su un davanzale in una stanza che non viene mai usata dopo il tramonto o prima dell’alba.

È anche importante smettere di annaffiare questa pianta per circa un mese e mantenere le temperature relativamente fresche.

Anche la potatura è un requisito essenziale della coltivazione che, se non eseguita correttamente, può inibire o addirittura impedire la formazione dei fiori l’anno successivo.

cactus di Natale in una stanza buia

Potatura del cactus di Natale

Poiché il cactus di Natale non ha un sistema standard di steli e foglie, ma ha invece segmenti di foglie attaccati l’uno all’altro che producono fiori sulle punte, la potatura può confondere chi non l’ha mai avuto prima.

Quando si pota questa pianta, è importante tagliare tra i segmenti di foglie. Dovrebbero anche essere potati non più tardi di un mese dopo che la pianta ha superato la sua stagione di fioritura.

Dopo la fioritura, il cactus di Natale entra in un periodo di crescita in cui si forma nuovo fogliame, e la potatura aiuta a creare una pianta più cespugliosa, costringendo la crescita ad andare in una direzione esterna piuttosto che verso l’alto.

Utilizza un coltello da potatura affilato e sterile o delle cesoie

Il coltello da potatura che usi deve essere molto affilato per evitare di strappare i delicati tessuti della pianta e sterilizzato in una soluzione commerciale progettata per l’uso su attrezzi da giardinaggio o una miscela fatta in casa di una parte di candeggina e nove parti di acqua. Dovresti anche lavarti accuratamente le mani prima di potare – queste precauzioni aiutano a prevenire la diffusione delle malattie delle piante.

Potare in corrispondenza dello spazio tra i segmenti

Pota sempre il tuo Cactus di Natale in corrispondenza dello spazio tra i segmenti delle foglie. Questo dovrebbe essere facile perché questi sono la parte più debole della pianta. Alcune persone preferiscono torcere il segmento per rimuovere il fogliame invece di usare un coltello, ma questo approccio sembra funzionare meglio sulla crescita più recente.

potare il cactus di Natale

Non è consigliabile potare più di un terzo del fogliame esistente dal vostro cactus di Natale. Se la pianta è stata acquistata di recente ed è ancora piccola, è sufficiente rimuovere circa un centimetro. Il risultato finale dovrebbe essere che ogni stelo ha più o meno la stessa lunghezza.

La potatura è anche un’ottima occasione per ispezionare accuratamente il vostro Cactus di Natale per individuare eventuali parassiti o agenti patogeni che possono essere presenti, in modo da poter trattare la pianta per evitare ulteriori danni.

Utilizzare la talea per altre piante

Non è mai una buona idea lasciare il materiale vegetale tagliato nel vaso: man mano che si decompone, diventa attraente per una varietà di parassiti e agenti patogeni.

In alternativa a gettarle semplicemente nella spazzatura o nel bidone del compost, considera di usare le talee per propagare altre piante.

Stelo del cactus di Natale

Tutto quello che devi fare è lasciare le talee in un luogo fresco e asciutto per qualche giorno prima di metterle in un contenitore con del terriccio, annaffiando con parsimonia fino a quando le nuove piante non sviluppano le radici.

Menu