Piante da appartamento

Come propagare lo scudo persiano

Con brillanti sfumature di viola, verde e argento, le foglie della pianta dello scudo persiano (Strobilanthes dyerianus) sono migliori agli occhi di molti giardinieri di alcune piante da fiore. I colori sono vibranti e duraturi e possono illuminare anche le zone più scure e ombreggiate del giardino. La coltivazione delle piante di Persian Shield richiede temperature calde e un’umidità più alta, dato che è tecnicamente una pianta semi-esotica tropicale. Con le giuste cure, può essere coltivata all’interno come pianta in vaso o all’esterno in giardino.

Il fogliame è sicuramente la qualità che definisce questa pianta e mentre i fiori sono unici e sorprendenti, vengono spesso potati per mantenere la pianta compatta e folta. E’ importante notare che quando si coltiva in casa, è meno probabile che si formino i fiori e la pianta nel complesso può essere più alta e più sottile di quanto lo sarebbe all’aperto. Con un’adeguata potatura e cura, può essere mantenuta piena e compatta e funziona bene anche come pianta indipendente in vaso o in giardini di piatti e cesti appesi.

Nelle regioni calde della zona 8-11 prospera meglio all’aperto, ma ha bisogno di essere protetta dalle gelate occasionali. Nelle regioni più fredde, deve essere tenuta in casa o trattata come una pianta annuale perché probabilmente morirà ogni anno con le gelate.

Come propagare con successo gli scudi persiani in casa

Una volta che vi sarete innamorati della bellezza mozzafiato dello scudo persiano, probabilmente vorrete averne molti altri. Ma comprare nuove piante può essere costoso. Fortunatamente, questa pianta è molto facile da propagare in casa senza bisogno di attrezzature o extra. Tutto quello che dovete fare è seguire questi quattro semplici passi e potrete trasformare una pianta in diverse senza alcun costo aggiuntivo.

PASSO 1: TAGLIARE UN PEZZO DALLA PUNTA DI UN RAMO

Trova un ramo sano e taglia una punta in modo che il pezzo sia lungo circa 3 pollici. Fare il taglio proprio sopra un nodo dello stelo di solito dà i risultati migliori. Questo aiuta le talee a radicare più velocemente e permette anche al ramo tagliato di arrossire più facilmente con la nuova crescita. Inoltre, assicurati che lo stelo che tagli non sia super morbido e tenero, ma nemmeno troppo legnoso e indurito.

FASE 2: RIMUOVI LE FOGLIE INFERIORI E METTILE NEL SUPPORTO.

Successivamente, dovrai rimuovere la metà inferiore dei rami in modo da esporre il gambo. Puoi usare l’ormone radicante in polvere sul gambo e poi metterlo in un terriccio ben drenato o nella sabbia per iniziare il processo di radicazione. Un modo più semplice e ordinato è quello di mettere gli steli in una tazza di acqua fresca e pulita. Nel terriccio o nella sabbia, dovrete mantenerli umidi ma non eccessivamente bagnati mentre le radici si formano e dovrete controllare dopo una settimana per vedere l’aspetto delle radici. La crescita delle radici può essere facilmente monitorata quando le talee sono iniziate in acqua, quindi sarà un gioco da ragazzi vedere quando le radici si sono ben stabilite.

FASE 3: TRASFERIRE LA TALEA RADICATA NEL TERRENO.

Quando le radici della talea hanno raggiunto circa un pollice di lunghezza, è il momento di piantare le talee. Con le talee cresciute nel terreno o nella sabbia, rimuovi delicatamente le talee e scuoti leggermente alcuni dei materiali sciolti per ispezionare le radici. Con le talee coltivate in acqua, possono essere semplicemente rimosse e ispezionate prima di piantarle. Poi mettetele in piccoli vasi di terra per rafforzarle e farle crescere. Picchiettare leggermente il terreno intorno alla talea per sostenerla, ma assicurarsi di non compattare il terreno così tanto da danneggiare le tenere radici. Mantenere il terreno umido e fornire una luce morbida ed equilibrata per incoraggiare la crescita sana delle radici e delle foglie.

FASE 4: PIANTARE ALL’APERTO E MANTENERE BEN IRRIGATO.

Una volta che le talee hanno superato i vasi di partenza, possono essere pompate in vasi più grandi secondo le necessità e coltivate all’interno. Se vengono piantate all’esterno, aspetta che la zolla si sia consolidata e che non ci sia più il rischio di gelate. Le nuove piantine spesso subiscono un certo livello di shock, soprattutto quando vengono piantate per la prima volta all’aperto. Ma si riprenderanno e cominceranno a prosperare, purché ci si prenda cura di loro durante questo periodo di transizione. Ora avete ancora più scudi persiani da godere!

Menu