Piante da appartamento

Consigli per coltivare il giglio della pace

Il giglio della pace è una pianta spesso coltivata come pianta d’appartamento, poiché ha bisogno di temperature calde tutto l’anno. Può fiorire due volte all’anno e quindi produce fiori per diversi mesi all’anno. Prospera nelle zone 11 e 12. I fiori sono grandi e bianchi e le foglie sono di un verde intenso e lucido.

Il giglio della pace è una centrale elettrica di filtraggio dell’aria, filtrando più sostanze inquinanti di una pianta media. Cresce fino a 3′ come pianta d’appartamento e 6′ se coltivato all’aperto in un clima caldo.

Requisiti di luce e temperatura

I gigli della pace in natura sono piante tropicali che amano l’ombra, ma quando vengono coltivati come pianta d’appartamento, hanno bisogno di una disposizione diversa. All’interno, hanno bisogno di luce filtrata piuttosto che di sole o ombra diretta. Se le foglie diventano pallide e si arricciano, indica che sta ricevendo troppa luce solare. Ricevere molta luce solare diretta può bruciare le foglie.

La pianta deve essere collocata in un luogo caldo e lontano da correnti d’aria. La temperatura migliore per il giglio della pace va dai 65 agli 80 gradi, e va tenuto lontano da temperature di 55 e inferiori.

Annaffiatura

I gigli della pace hanno bisogno di molta acqua, ma anche di un alto livello di umidità. Devono essere annaffiati abbastanza spesso in modo che il terreno non si asciughi mai completamente. Innaffiare meno spesso in inverno, ma non lasciare che il terreno si asciughi. Queste piante hanno anche bisogno di essere nebulizzate regolarmente per aumentare il livello di umidità per loro. Ogni settimana, nebulizzate le foglie con acqua distillata o dolce. Quando annaffiate la pianta, usate acqua filtrata se la vostra acqua ha un alto livello di cloro. Un test dell’acqua può dirti di più sulla tua acqua.

Terreno e fertilizzazione

Il terreno del giglio della pace deve garantire un buon drenaggio e trattenere l’umidità. Assicurati che sia in un vaso con un ottimo drenaggio. Per quanto riguarda il terriccio, è meglio usare una miscela che contenga molto muschio di torba. Dovrebbe anche contenere perlite e/o fibra di cocco per trattenere ulteriormente l’umidità. Dovrebbe anche avere rocce, corteccia o sabbia per permettere un buon drenaggio e una sufficiente aerazione. In estate, si possono aggiungere al terreno delle palline di fertilizzante a lento rilascio, ma non aggiungere alcun fertilizzante durante l’inverno. Il pH del terreno deve essere compreso tra 5,8 e 6,5.

Giglio della pace (1)

Decapitazione e potatura

Dopo che i fiori sono morti, possono essere decapitati sia per il bene della pianta che per considerazioni estetiche. Rimuovere i fiori morti spingerà la pianta a continuare a fiorire.

Il giglio della pace ha generalmente bisogno di una potatura regolare per eliminare il fogliame morto o danneggiato. Quando la brattea del fiore muore, potatela in parte lungo lo stelo per incoraggiare la crescita di altri fiori. Quando le foglie cominciano a sbiadire e ingiallire, potate via quelle foglie dalla base delle foglie piuttosto che nel mezzo delle stesse. Usa le cesoie da potatura piuttosto che le forbici, perché le forbici sono spesso troppo ottuse per tagliare il fogliame in modo efficiente. Ecco alcune fantastiche cesoie da potatura!

Tossicità

Il giglio della pace è bello, ma come molte piante, è anche tossico. Può essere particolarmente pericoloso da mangiare per cani e gatti. Una volta che hai potato via le foglie sbiadite e i fiori morti, assicurati di raccogliere ogni parte del materiale potato e di smaltirlo in modo che gli animali domestici non possano accedere a nessun materiale. Quando scegliete il posto migliore per il vostro giglio della pace, assicuratevi di tenerlo in un posto che limiti l’accesso agli animali domestici.

Menu