Piante da appartamento

Consigli per coltivare l’Aloe Vera

Per migliaia di anni, la gente ha coltivato l’aloe vera per usarla in una grande varietà di modi. Può essere mangiata, mescolata in ricette o usata per lenire la pelle. La pianta dell’aloe vera è una succulenta, e questo comporta una serie di esigenze che queste piante hanno.

Fioriscono, ma la pianta è più apprezzata per il gel all’interno delle sue foglie. I fiori sono di un colore giallo-arancione e sbocciano su piante di aloe che hanno almeno quattro anni e sono tenute in una zona che imita il deserto.

Cresceranno nelle zone dalla 9 alla 13, anche se molte persone le coltivano in casa in vari climi.

Requisiti di luce e temperatura

Essendo una pianta del deserto, l’aloe vera dà il meglio di sé quando prende pieno sole. Questo è particolarmente vero quando la tua zona è spesso nuvolosa o nebbiosa. Se la pianta può avere il sole diretto per sei-otto ore, fiorirà. Se avete un clima caldo e soleggiato, l’aloe vera può tollerare un po’ di sole filtrato o ombra nella parte più calda del pomeriggio. È più felice a temperature tra i 55 e gli 80 gradi. Se la vostra zona ha inverni freddi, è necessario portare l’aloe vera all’interno durante l’inverno, perché non tollera la neve o il gelo. Se volete far fiorire la vostra aloe vera, avrà bisogno di piena luce solare tutto il giorno. All’interno, dovrete spostarla da un posto all’altro per assicurarvi che riceva abbastanza sole per far crescere i suoi fiori.

Annaffiatura

L’aloe vera dà il meglio quando le precipitazioni sono scarse. È un’ottima pianta per luoghi asciutti come i giardini rocciosi e altri tipi di giardini aridi. Se piove una volta alla settimana, dovrebbe essere abbastanza acqua per la tua aloe vera. Se vivete in un clima più secco, controllate il terreno ogni tanto per vedere se è asciutto qualche centimetro più in basso. Se lo è, la vostra aloe vera dovrebbe essere annaffiata. Se avete un clima molto caldo, potrebbe essere necessario annaffiare più spesso per compensare l’umidità che evapora. In generale, il terreno dovrebbe asciugarsi fino a 2″ di profondità o più prima di essere annaffiato di nuovo.

Aloe

Terreno e concimazione

Il terreno deve drenare molto bene per evitare che la pianta rimanga in acqua. Le piante di aloe vera tenute in casa spesso muoiono per essere state innaffiate troppo o da vasi che non hanno un buon drenaggio. Non importa dove la piantate, deve avere un drenaggio efficace. Aggiungendo qualche manciata di sabbia o piccole rocce al terreno in cui la pianterete, otterrete un miglior drenaggio. L’Aloe vera non ha bisogno di essere concimata, ma un po’ di fertilizzante ogni primavera può aiutarla durante la stagione di crescita. Se decidete di concimarla, usatene uno a base d’acqua che sia pesante in fosforo, e diluitelo a metà forza prima di usarlo.

Decapitazione e potatura

Quando una pianta di aloe fiorisce, può essere potata una volta che i fiori sono appassiti. Per fare questo, tagliate i gambi fino alla base. Se state cercando di usare i semi che produce, lasciate che i fiori rimangano sulla pianta fino a quando non sono completamente secchi. Allora rilasceranno dei semi che potrete raccogliere. Quando le piante di alow invecchiano, alcune delle foglie inferiori possono morire e seccarsi. Quando questo accade, tagliatele fino alla loro base. Non c’è bisogno di altre potature di queste piante.

Menu