Piante da appartamento

Lacrime della regina: Coltivazione e cura delle lacrime della regina

La Bilbergia Nutans o Queen’s Tears è una splendida gamma di colori. Questa bromeliacea ha foglie spesse e arcuate verso l’esterno che raggiungono una lunghezza di circa 15 pollici. La pianta produce steli con brattee rosa brillante e fiori a petali verdi che sono bordati di blu con lunghi stami gialli. La pianta è soprannominata la pianta dell’amicizia perché i suoi rami crescono facilmente per poterli regalare spesso.

Temperatura e umidità

Le lacrime della regina sono una pianta tropicale, originaria dell’Argentina, dell’Uruguay e del Brasile, quindi dà il meglio di sé in condizioni calde e umide. La pianta preferisce temperature dell’aria intorno ai 60-75 gradi in inverno e leggermente più calde in estate, e un’umidità del 40-50%. L’aria secca fa sì che le punte delle foglie diventino marroni.

Irrigazione e nebulizzazione

La pianta è relativamente tollerante alla siccità perché raccoglie l’umidità dall’aria. La pianta prospera se annaffiata quotidianamente durante l’estate, ma deve ricevere solo acqua sufficiente a mantenere il terreno umido. Nebulizzare le foglie ogni giorno per evitare che le punte diventino marroni e nebulizzare le coppe dei fiori verso l’alto per permettere loro di trattenere un po’ d’acqua che la pianta può utilizzare quando necessario. Durante il resto dell’anno, aggiungi solo acqua sufficiente a mantenere il terreno leggermente umido e nebulizza ogni pochi giorni.

L’acqua del rubinetto può lasciare macchie sulle foglie se contiene cloro e fluoro. I proprietari di piante con sistemi idrici municipali potrebbero voler usare solo acqua piovana o acqua filtrata per le loro piante.

Luce e suolo

L’ombra parziale protegge i fiori e le foglie durante l’estate. Per il resto dell’anno cerca una luce solare luminosa e indiretta. Le lacrime della regina crescono meglio in una miscela di terriccio per orchidee, ma è possibile simulare questa miscela se il terriccio per orchidee non è disponibile. Combina invece due parti di miscela di corteccia d’albero con una parte di terriccio da giardinaggio.

Rinvaso e propagazione

Rinvasare la pianta secondo necessità. Un vaso di cinque pollici di diametro è in genere il più grande di cui la pianta ha bisogno. Rinvasare le piante solo prima della fioritura, che in genere avviene all’inizio o a metà primavera. Attendere la fine della fioritura prima di propagare.

Tagliare i nuovi germogli dalla base della pianta quando sono lunghi almeno quindici centimetri. I germogli vanno immediatamente nel terriccio. Di solito ci vogliono un paio di settimane perché i nuovi germogli mettano radici. Innaffia la nuova crescita come se fosse una pianta matura.

Fertilizzante e insetticida

Fertilizzare la pianta in primavera e in estate con fertilizzante liquido diluito. Mescolare il liquido in una miscela metà e metà con acqua e usarlo per innaffiare la pianta come al solito. Fate lo stesso durante l’autunno e l’inverno, ma concimate solo una volta al mese. Spruzzare la stessa miscela sulle foglie allo stesso tempo.

Le piante lasciate occasionalmente all’esterno possono diventare un bersaglio per i parassiti del giardino. Strofinate le foglie con alcol e poi acqua per rimuovere le cocciniglie. Anche i saponi insetticidi possono aiutare a rimuovere molti parassiti, ma risciacqua il sapone dopo l’applicazione. Il rischio di infestazione è quasi inesistente se la pianta rimane all’interno.

Menu