Consigli e guide

Come portare le piante in casa per l’inverno

Fuori fa sempre più freddo, e in molte parti del paese il primo gelo si sta avvicinando rapidamente. In effetti, alcune zone hanno già avuto la loro prima neve; quindi si spera che siate riusciti a portare le vostre piante all’interno per proteggerle dal freddo. Se le vostre piante sono ancora all’esterno, questa guida è stata progettata per aiutarvi a portarle dentro in modo sicuro, in modo che possano continuare a crescere durante i freddi mesi invernali.

Quando portare le piante in casa

È difficile dire esattamente quando portare dentro le piante, perché la temperatura varia in base a dove vivete e a quanto è caldo il tempo in quel particolare anno. Se non siete sicuri, assicuratevi di seguire il tempo locale perché vorrete avere tutte le vostre piante all’interno circa due settimane prima del primo gelo. La maggior parte delle piante non ama le temperature al di sotto dei 45 gradi Fahrenheit, quindi se si avvicina ai 50 gradi Fahrenheit durante la notte, è ora di pensare a portarle dentro.

Quali piante dovresti portare in casa

Qualsiasi pianta può essere portata in casa, ma dato che la luce del sole in casa vostra sarà più limitata che all’esterno, è meglio portare prima le piante più sane in casa. Ora, naturalmente, qualsiasi pianta che è vicino al tuo cuore perché è stato un regalo da una persona cara o ti ricorda qualcuno dovrebbe essere incluso in quella lista pure. Se avete ancora spazio per altre piante, allora dovreste considerare le piante che possono illuminare la vostra casa durante i freddi mesi invernali.

Preparare la vostra casa

Prima di portare le piante in casa, è meglio controllare la vostra casa per trovare le posizioni migliori per loro. Dovranno avere una buona quantità di luce solare naturale, e vorrete tenere le piante lontane da luoghi dove ci possono essere correnti d’aria. Questo significa porte e finestre che non sono a tenuta d’aria, ma anche bocchette e riscaldatori in casa.

Debugging delle piante

L’ultima cosa che vuoi fare è portare parassiti in casa con le tue piante, quindi prima di spostare le tue piante, dovrai fare il debug dell’intera pianta, comprese le foglie, le radici e il terreno.

– Parassiti delle foglie – Questi sono parassiti come cocciniglie, afidi, acari e ragni. Non sono tutti pericolosi per le vostre piante, ma sono comunque parassiti che volete tenere all’aperto. Se esaminate le vostre piante da vicino, sarete in grado di determinare se questi parassiti si trovano sulle piante guardando vicino a dove le foglie si collegano allo stelo e sulla parte inferiore delle foglie.

Il modo più semplice per sbarazzarsi di questi abitanti delle foglie è semplicemente spruzzare la pianta con un tubo da giardino per lavare gli insetti dalle foglie. Se non avete un tubo con un getto abbastanza delicato da non danneggiare le vostre piante, potete semplicemente immergere le piante in acqua e lasciarle lì per circa 15 minuti. L’aggiunta di una goccia di sapone per i piatti può anche aiutare a sbarazzarsi di eventuali parassiti indesiderati che vivono sulla pianta.

– Parassiti del suolo – Si tratta di parassiti come formiche, lumache e forbicine. Spesso si può semplicemente tirare la pianta fuori dal vaso per vedere se ci sono parassiti nel terreno. La maggior parte di loro sarà vicino alla superficie, ma alcuni scavano più in profondità nelle radici, quindi sii accurato.

Se il problema dei parassiti è troppo grande per essere risolto semplicemente rimuovendoli dal terreno o immergendo la pianta in acqua, potrebbe essere necessario eliminare tutto il terreno che circonda le radici. Questo è un processo, ma se volete una pianta sana, potrebbe essere necessario. Inoltre, se la pianta sta diventando troppo grande per il suo vaso, questo crea l’occasione perfetta per rinvasarla.

Se sospettate che le piante abbiano dei parassiti, quando le portate in casa, potreste prendere in considerazione di metterle in quarantena. Questo significa metterle in una stanza separata per un periodo di tempo per assicurarsi che i parassiti non si facciano strada verso le altre piante d’appartamento.

Acclimatare le piante prima di portarle in casa

Quando una pianta passa da una temperatura, luce e umidità diverse, può andare in shock perché il cambiamento è troppo drastico. Questo significa che le foglie appassiscono, si formano macchie marroni e le foglie possono anche cadere, quindi è necessario evitare qualsiasi cambiamento drastico che potrebbe influenzare la pianta.

Questo significa che non dovreste aspettare che faccia veramente freddo fuori per portare le vostre piante in casa. Infatti, se iniziate il processo abbastanza presto, potete iniziare a portare le vostre piante dentro di notte quando la temperatura scende e riportarle fuori durante il giorno quando il calore del sole toccherà le loro foglie. Fate questo processo per circa due settimane, poi fate il passaggio completo a un ambiente interno.

Fornire alle piante la cura adeguata una volta al chiuso

Quando spostate le vostre piante al chiuso, dovrete assicurarvi di curarle adeguatamente perché non avranno bisogno delle stesse cure che avevano all’aperto. Per quanto riguarda la quantità di luce, vorrete trovare un luogo che abbia molta luce naturale, ma non molta illuminazione a LED.

Quando annaffiate le vostre piante, ricordate che non saranno più sotto la luce diretta del sole, il che significa che non avranno bisogno di tanta acqua, soprattutto se la loro crescita rallenta durante l’inverno. Una buona regola è quella di toccare il terreno prima di aggiungere acqua. Se il terreno è asciutto al tatto, allora aggiungete acqua. Assicurati che il terreno dreni bene e che il vaso non trattenga l’acqua in modo che non si verifichi il marciume delle radici.

Alternative per lo spazio limitato

Non tutti hanno abbastanza spazio in casa per tutte le loro piante in casa, anche quando si costruiscono scaffali per creare più spazio, quindi potrebbe essere necessario trovare altre soluzioni per mantenere le piante in vita.

– Forzare la pianta in dormienza – Alcune piante perenni sono progettate per andare in uno stato dormiente durante l’inverno, in modo da poterle mettere in soffitta o in garage in un luogo che è tra i 20 ei 40 gradi Fahrenheit. Quando le piante sono in questo stato dormiente, hanno bisogno di pochissima luce e acqua per sopravvivere.

– Preparate invece delle talee – Se avete una piccola pianta che volete far crescere di nuovo nel vostro giardino l’anno prossimo, potreste creare una talea da coltivare in casa durante l’inverno. Le talee occupano molto meno spazio delle piante complete, e molto probabilmente cresceranno meglio delle piante che devono adattarsi alla vita al chiuso.

Considerazioni finali

Portare le vostre piante in casa per l’inverno può richiedere molto lavoro per assicurarsi che non siano infestate da parassiti e che le piante continuino a crescere una volta all’interno. Tuttavia, se vi prendete il tempo per prendervi cura delle vostre piante in modo adeguato, potete facilmente riportarle all’esterno per godervi la luce del sole quando le temperature salgono sopra i 60 gradi Fahrenheit durante il giorno.

Menu